Sainsbury’s e Argos tagliano 3500 posti di lavoro. Ondata di licenziamenti anche in altre aziende

Anche la catena John Lewis e Lloyds Bank hanno annunciato licenziamenti per 2500 dipendenti, ma sono 20mila i posti di lavoro a rischio, annunciati nei vari settori.

Sainsbury’s e la sua controllata Argos tagliano 3500 posti di lavoro, a partire da oggi, a causa del secondo lockdown, e chiudono anche centinaia di punti vendita.

La catena Sainsbury’s ha subito perdite per 137 milioni di sterline, e da oggi chiuderà, all’interno dei suoi supermercati, i banchi di dolci, pesce e carne, licenziando molti dipendenti.

Argos invece chiuderà 420 magazzini, licenziando migliaia di lavoratori. I 120 stores che avevano chiuso con il primo lockdown saranno dismessi permanentemente. Sarà un ridimensionamento totale, per Argos, che dovrebbe lasciare aperti solo 100 magazzini in tutto il Regno.

Sainsbury’s ha però annunciato di voler comunque aprire dei nuovi outlets nei supermercati, assumendo altro personale.

Intanto anche la catena John Lewis e Lloyds Bank hanno annunciato licenziamenti per 2500 dipendenti, ma sono 20mila i posti di lavoro a rischio, annunciati nei vari settori.

Questa puntata è offerta da Fattoria DonnaTina – la spesa online direttamente a casa tua. Clicca qui per acquistare https://www.donnatinastore.com

Clicca qui e scarica la nostra app https://telelondra.uk/App puoi vedere gratuitamente tutte le puntate precedenti

Ricorda che ci puoi vedere anche sulle smart tv SAMSUNG

Abbiamo anche una pagina Facebook: https://www.facebook.com/telelondra/

Oppure seguici sul nostro sito telelondra.uk

TELELONDRA il primo canale televisivo degli italiani in UK

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here