Cosa non va nel piano economico di Sunak

Sono molte le aziende in crisi abbandonate da Sunak, e il coro di voci che chiede misure mirate per ogni settore si fa sempre più forte.

Piovono critiche sul cancelliere Sunak, che ieri ha annunciato il nuovo piano di sostegno economico a lavoratori ed imprese in vista della seconda ondata del coronavirus.

A protestare sono soprattutto gli appartenenti ai settori più colpiti, dal’hospitality al turismo, fino allo spettacolo.

La ristorazione è stata particolarmente colpita dalle restrizioni, e il taglio dell’Iva al 5% non basta alle imprese, soprattutto perché non include le bevande alcoliche, sfavorendo così i tantissimi pubs che sono costretti a chiudere alle 10 di sera, nel momento dunque di maggior consumo di alcolici.

Le associazione lanciano l’allarme, con circa 25mila aziende del settore che potrebbero chiudere, licenziando circa 675mila persone, se il Governo non aumenterà gli aiuti.

I nightclubs non hanno invece nemmeno riaperto, e con il nuovo job scheme sono stati addirittura esclusi dal piano di aiuti, destinato alle aziende che mantengono i lavoratori in organico ad almeno un terzo dell’orario lavorativo.

Poi c’è il mondo dei freelance, soprattutto del settore dello spettacolo, anch’esso escluso dagli aiuti. Moltissimi teatri non hanno nemmeno riaperto, perché non in grado di poter strutturalmente assolvere alle regole anti-Covid. Tre milioni di self-employed continuano ad essere lasciati fuori dal programma di aiuti, secondo gli avvocati della Blick Rothemberg.

Sono molte le aziende in crisi abbandonate da Sunak, e il coro di voci che chiede misure mirate per ogni settore si fa sempre più forte, in vista della seconda ondata che per la Gran Bretagna sembra essere più contagiosa della prima.

Vuoi assaggiare questa pasta? Clicca su www.difrancescofood.com

Clicca qui e scarica la nostra app https://telelondra.uk/App puoi vedere gratuitamente tutte le puntate precedenti

Ricorda che ci puoi vedere anche sulle smart tv SAMSUNG

Abbiamo anche una pagina Facebook: https://www.facebook.com/telelondra/

Oppure seguici sul nostro sito telelondra.uk

TELELONDRA il primo canale televisivo degli italiani in UK

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here